Precedente Successiva 

De pompei statuis 

 

 

Inizio anno  44  

 

Discorso in senato o forse solo un intervento estemporaneo (facete dictum), di cui restano testimonianze in SUET. Iul. 75, 6; D.CASS. XLIII, 49, 1; POLYAEN.VIII, 23, 31 ed un frammento indiretto in PLUT. Caes.57, 6; Cic.40, 4-5; mor. 205e.

 

Edizioni: PUCCIONI (CSC) D 31; BELLARDI (UT) 4, 676; CRAWFORD 1984, App. I, n 5; GARBARINO (CSC) 142, n 51 (Facete dicta).

 

Cf. PUCCIONI 1960, 107-108; GELZER 1969, 322 (=RE 1029); MALASPINA 1997b, 145-147; RYAN 1998, 373; MARINONE a. 44 B12a.

 

-Cicerone in senato ringrazia Cesare per aver fatto rimettere a posto le statue di Pompeo

 

 

Frammenti  

 

-Da MALASPINA 1997b stato individuato un frammento indiretto riportato con poche varianti in PLUT. Caes. 57, 6; Cic. 40, 4-5: 

Caes. 57, 6: fH ka Kikrwn epen, ti Kasar tov Pompjou stsav ndrintav tov douv pjxe

Cic. 40, 4-5: fj gr Kikrwn, ti tat t filanqrwp Kasar tov mn Pompjou stjsi, tov dH ato pgnusin ndrintav

 

 

Autenticit

 

-PUCCIONI 1960, 107-108; MALASPINA 1997b: Si ritiene possibile che PLUT. Caes. 57, 6; Cic. 40, 4-5 si riferiscano solo ad un motto, un facete dictum di Cicerone e non ad un discorso.

-BELLARDI (UT) 4, 677 n. 1: Si esprimono dubbi sul fatto che Cicerone pronunzi una vera e propria orazione.

-GELZER 1969, 322: Si tratta di un vero e proprio discorso di ringraziamento a Cesare da parte di Cicerone. 

-CRAWFORD 1984, App. I, n 5: Lorazione catalogata tra i Possible Speeches.

 

 

  Precedente Iniziale Su Successiva

Per chiudere la CC-CD premi ALT+F4