Precedente Successiva 

Protagoras  

 

 

Anno indeterminato 

 

Traduzione del dialogo ProtagÁrav di Platone, forse risalente allíetà giovanile; ne restano alcuni frammenti: fin. I, 7; QUINT. X, 5, 2; HIERON. ep. 57, 5, 2; chron. pr. 1; adv. Rufin. II, 25; PRISC. GL 2, 247, 16. 402, 22.

 

Edizioni: MÜLLER (T) F 2; GARBARINO (CSC) A 4.

 

Cf. HEUSDE 1863, 274, 3; SH 1, 527; DG 6, 306 n. 15; COLEMAN 1939, 213 n. 1; PHILIPPSON RE, 1150; BARDON 1952, 201, 1, 6; MARINONE a. indet. B7.

 

 

-Fin. I, 7: Quamquam, si plane sic verterem Platonem aut Aristotelem, ut verterunt nostri poetae fabulas, male, credo, mererer de meis civibus, si ad eorum cognitionem divina illa ingenia transferrem. Sed id neque feci adhuc nec mihi tamen, ne faciam, interdictum puto. Locos quidem quosdam, si videbitur, transferam.

 

 

-Opera giovanile: DG 6, 306 n. 15; MARINONE a. indet. B7. Tale datazione non è in insanabile contrasto con fin. I, 7, in cui Cicerone sembra affermare di non avere ancora mai tradotto in latino Platone o Aristotele.

bullet

HEUSDE 1863, 274, 3 [citato e non accettato da DG 6, 306 n. 15] cerca di risolvere il contrasto ipotizzando che Cicerone renda nota líopera solo in tarda età. 

 

-Opera della maturità, composta negli ultimi anni, dopo il De finibus: SH 1, 527; GARBARINO (CSC), 17.

 

 

  Precedente Iniziale Su Successiva

Per chiudere la CC-CD premi ALT+F4