Cicerone e il pensiero romano
Sito ufficiale della Società Internazionale
degli Amici di Cicerone
Ricerca semplice
 
HOME PAGE

HOME PAGE

CHI SIAMO

CONTATTI

ACTA TULLIANA

SOSTEGNO
COLLEGAMENTI

SUGGERIMENTI

ACCESSO RISERVATO

NOTIZIE

DISCLAIMER

Cicerone - II - Frammenti
  • Oeconomicus:Cicerone stesso ci informa di aver scritto in gioventù, intorno all'85, un'opera intitolata Oeconomicus; si trattava di una traduzione dell'omonimo scritto di Senofonte. Le testimonianze non sono però concordi riguardo al titolo e al numero dei libri che costituivano l'opera. Garbarino 1984 ritiene probabile che siano esistite due edizioni diverse, una in un solo libro e una in tre. La stessa studiosa non ritiene verosimile né che Cicerone, quando scriveva di aver tradotto dal greco al latino il libro di Senofonte qui Oeconomicus inscribitur (Off.2, 87), avesse tra le mani l'opera di Senofonte già divisa in tre libri, né che l'abbia divisa in tal modo egli stesso; dunque la suddivisione in libri dev'essere successiva a Cicerone. Columella, nei libri XI e XII del De re rustica, loda la traduzione di Cicerone e cita dei brani dell'opera di Senofonte a volte letteralmente, e a volte rielaborando i concetti. Garbarino 1984 ritiene che Columella si sia sicuramente servito dell'opera di Cicerone, ma che non sia possibile attribuire di volta in volta all'uno o all'altro autore latino le modifiche apportate all'originale greco. Bibliografia: G. Garbarino, M. Tulli Ciceronis Fragmenta, Torino 1984, 15-17 [CorSen]
    Testo dell'opera


    Bibliografia


    1. Tutrone, Fabio, Filodemo, Cicerone, Nepote: a proposito del contesto storico-culturale di Oec. col. XXII. 9-48, 2018

    Parole chiave
    • Philosophie - Filosofia - Philosophy