Cicéron et la pensée romaine
Site officiel de la Société Internationale
des Amis de Cicéron
Recherche Simplifiée
 
HOME PAGE

ACCUEIL

QUI SOMMES-NOUS

CONTACTS

ACTA TULLIANA

SOUTIEN

LIENS

SUGGESTIONS

ACCÈS RÉSERVÉ

NOUVEAUTES

DISCLAIMER

Cicéron - II - Fragments
  • Facete dicta:Questo titolo fa riferimento a battute di spirito, facezie, motti arguti, che Cicerone aveva inseriti nelle sue orazioni o nelle lettere o aveva pronunciati in altre occasioni, e che furono poi raccolti e pubblicati. Sappiamo che già Giulio Cesare raccoglieva e selezionava detti e motti di Cicerone (fam. IX, 16, 4) e che l'amico Trebonio gli inviò un liber di tali detti, molto apprezzato dall'oratore (fam. XV, 21, 2). Quintiliano leggeva un'edizione di ioci ciceroniani in tre libri, che attribuiva al liberto Tirone, esprimendo però il dubbio che l'autore fosse stato un altro (VI, 3, 5). L'attribuzione a Tirone si trova anche negli Scholia Bobiensia e in Macrobio, secondo il quale, tuttavia, vi era chi riteneva che la raccolta fosse stata curata da Cicerone stesso (Sat. II, 1, 12). [S. Mollea]
    Texte de l'oeuvre


    Bibliographie


    1. Malaspina, Ermanno, Osservazioni su alcune orazioni ciceroniane in frammenti e perdute, 2001

    Mots-clés
    • Authenticité - Autenticità - Authenticity